Collegamenti sponsorizzati

locazione uso foresteria

Uso foresteria: come funziona?

Locazione a uso foresteria è uno di quei termini che nel mondo immobiliare, sempre più spesso, viene usato a sproposito… In cosa consiste esattamente un contratto a uso foresteria? Chi lo può stipulare e quali sono le risorse da consultare quando si cerca un appartamento a tale scopo? Di seguito le risposte a tutte queste domande.
Uso foresteria: come funziona? Collegamenti sponsorizzati
Per prima cosa, si parla veramente locazione uso foresteria solo quando si verifica una precisa condizione: il contratto di locazione deve avere come conduttore una società di capitali che voglia destinare l’immobile ad abitazione dei propri dipendenti. In seguito alla riforma della legge sugli affitti (per avere un’idea della situazione attuale potete consultare la nostra pagina sui contratti d’affitto), era stato da alcuni avanzato il sospetto che il contratto a uso foresteria non fosse più valido da un punto di vista legale, perché escluso dalla disciplina della stessa. Questa particolarità, invece, lo fa rientrare nella categoria delle locazioni completamente libere, per le quali si applicano dunque solo le norme del codice civile in materia competente.

Per approfondire meglio il discorso sulla legittimità di tali contratti si può consultare la voce del glossario “uso foresteria” sulla guida di Casaclick, dove tra l’altro, si può entrare nel dettaglio delle competenze che spettano a locatore e locatario. Basterà comunque sapere che, a conferma del fatto che la locazione uso foresteria non è stata affatto abrogata, la Finanziaria 2001 ha previsto una norma per la deduzione dal reddito d’impresa dei canoni di locazione degli immobili concessi proprio a tale scopo; potete consultare direttamente il testo scaricando il pdf del Tuir, Testo Unico delle imposte sui redditi dal sito Fisco e Tasse.com nella sezione “Codici e Testi Unici” tra i diversi dossier consultabili. Di fatto questa disposizione in materia fiscale ha confermato in via indiretta la legittimità della forma contrattuale a uso foresteria, leggittimandone definitivamente l’esistenza. Posto dunque che la locazione ad uso foresteria è perfettamente valida, si deve tener conto del fatto che di regola prevede un uso transitorio legato a particolari circostanze (vedi il trasferimento provvisorio di un dipendente): questo significa ovviamente che qualora l’uso foresteria dovesse essere applicato per aggirare una delle norme, il contratto risulterebbe immediatamente annullato.

Detto ciò, e chiarita qual è la posizione normativa in merito, passiamo alle informazioni pratiche. Un’azienda che cerchi appartamenti in affitto per i suoi dipendenti a uso foresteria, quali canali può utilizzare? Girando per il web si possono trovare numerose aziende specializzate in questo tipo di locazione. Gli appartamenti aziendali di Rentexpress, ad esempio, possono essere una soluzione, soprattutto perché prevedono ottime agevolazioni e offerte sui prezzi e sono dislocati nelle maggiori città italiane, mentre in ambito Europeo forniscono la città di Parigi. Rental in Rome invece è dedicata a chi deve effettuare dei trasferimenti di personale nella capitale; l’offerta è ricca e il prezzo include diversi comfort e facilitazioni per le aziende.  Altro polo finanziario estremamente importante in Italia è Milano; per le aziende interessate a soluzioni uso foresteria per i propri dipendenti proprio nel capoluogo lombardo segnaliamo il sito City Residence Milano, anch’esso previsto di un listino speciale “Business” ricco di agevolazioni.

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati